Skip to content

Meccanica della nuova Porsche Panamera Turbo

MOTORE V8 + TURBO TWIN SCROLL + INIEZIONE

Il motore 4.0 litri V8 twin-turbo benzina, installato sotto il cofano della nuova Porsche Panamera Turbo, è un’unità estremamente prestazionale capace di 404 kW a 5800 rpm e 770 Nm a 2000 rpm. Numeri resi possibili da un sistema di sovralimentazione con tecnologia biturbo dove due turbocompressori twin-scroll lavorano contemporaneamente, ruotando in controfase uno rispetto all’altro, ad una pressione massima di 0.3 bar relativi per turbocompressore.

Porsche Panamera Turbo

Tale sistema biturbo, alloggiato direttamente all’interno della V di 90° tra le due bancate, integra un sensore per il numero dei giri, valvole elettriche di deviazione flusso aria, wastegate a depressione e collettori di scarico separati, compatti e isolati termicamente. Al sistema di sovralimentazione si affianca un sistema di iniezione diretta di benzina con pressione massima di 250 bar, iniettori a solenoide da 7 fori dislocati sulla testata in posizione centrale nella camera di combustione, capaci di creare un consistente effetto tumble, e condotti di aspirazione a doppio ramo (uno per bancata e turbocompressore).

Porsche Panamera Turbo

BASAMENTO + TESTATA + FASATURA VARIABILE + DISATTIVAZIONE CILINDRI        

Questo innovativo propulsore si basa su un layout modulare, un basamento in lega di alluminio ottenuto con processo di colata in sabbia, camicie cilindri rivestite in acciaio e una testata motore in lega di alluminio ottenuta per fusione in conchiglia. Il sistema di distribuzione adotta un albero intermedio guidato dall’albero a gomiti, ruote catena triovali, azionamenti a catena corta e la tecnologia Valve Train sul lato aspirazione con quattro alberi a camme in testa (due per bancata) regolabili di 50° e in grado di variare l’alzata delle valvole da 6 a 8 millimetri.

Porsche Panamera Turbo

Alla tecnologia Valve Train si affianca la tecnologia VarioCam Plus cioè il sistema di disattivazione cilindri con camme scorrevoli a due stadi in grado di disattivare i cilindri (2-3-5-8) e di chiudere le valvole di aspirazione e scarico (disattivandole) ogni volta che il motore viaggia a velocità costante con regime tra i 950 e i 3500 rpm e con una richiesta di coppia minore di 250 Nm. Attuando la disattivazione dei cilindri si ottiene un 2.0 litri 4 cilindri nettamente più efficiente e dai minori consumi.

Porsche Panamera Turbo

Archivio immagini: Porsche

Author

Matteo Di Lallo

http://www.matteodilallo.tech
Laureato in Ingegneria Meccanica e forte appassionato di motori. Collabora attualmente per alcune realtà del mondo dell'editoria automotive: Autotecnica, Trasporto Commerciale, Giornale del Meccanico, La Mia Auto, Omniauto, Quattroruote, Motori Agricoli, Evo Italia, Automobilismo ed EngBook.

One Reply to “Meccanica della nuova Porsche Panamera Turbo”

  1. Buongiorno Matteo.
    Sara lo stesso motore montato sul lamborghini urus? Quello li è dato per 650cv invece di 550cv per la porsche. Sembra veramente simile però mi è stato detto che sul Urus non si desattivano i 4 cilindri… Cosa ne pensi?
    Grazie per i tuoi articoli, sono veramente molto interessanti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *