Skip to content

ZF 9HP (2013)

ZF 9HP (2013): per motori anteriori trasversali – Nel caso dei motori disposti trasversalmente lo spazio nel cofano è limitato dalla larghezza dello stesso. Per superare questo ostacolo i progettisti ZF hanno dovuto costruire una unità estremamente compatta portando alla luce il nuovo cambio automatico 9HP. Si tratta di un’unità a 9 rapporti caratterizzata dall’utilizzo di quattro rotismi epicicloidali semplici e sei elementi d’innesto, dove i rotismi non sono sistemati uno dietro l’altro sull’asse longitudinale ma sono stati inseriti in modo intelligente l’uno all’interno dell’altro. Tale concetto rivoluzionario viene completato da innesti a denti frontali azionati idraulicamente, che presentano un rendimento elevato e non esercitano alcuna influenza rilevante sulla lunghezza del cambio. Gli innesti a denti frontali hanno sostituito gli elementi d’innesto a disco che tendevano a creare sensibili coppie di trascinamento e quindi a generare delle perdite. Infine, un lavoro certosino è stato eseguito pure sulle perdite idrauliche che sono state minimizzate grazie all’utilizzo di uno smorzatore torsionale a più stadi che permettesse una più rapida chiusura del convertitore già a bassi regimi. Facendo un confronto rapido con la precedente generazione di cambi automatici per motori anteriori trasversali (tutti a 6 rapporti), il nuovo 9 marce di ZF consente un elevato potenziale di risparmio di CO2, poiché riduce il consumo di carburante fino al 16%. Il risultato è stato ottenuto per merito di una rapportatura totale estremamente ampia di 9,81 che consente al 9HP di viaggiare alla velocità di 120 km/h con un regime di rotazione di appena 2.170 giri/min rispetto ai 2.890 giri/min del precedente cambio 6HP. Le tempistiche di cambiata sono le stesse già viste sul cambio 8HP anche se su questo modello, per la prima volta, ZF ha deciso di progettare personalmente tutta l’elettronica mentre il range di coppia massima ammessa varia tra i 280 Nm ed i 480 Nm, un valore consistente ma non ancora adatto a motori estremamente prestazionali.

Archivio foto: ZF

Author

Matteo Di Lallo

http://www.matteodilallo.tech
Laureato in Ingegneria Meccanica e forte appassionato di motori. Collabora attualmente per alcune realtà del mondo dell'editoria automotive: Autotecnica, Trasporto Commerciale, Giornale del Meccanico, La Mia Auto, Omniauto, Quattroruote ed EngBook.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *